Corano, Islam e terrorismo senza censura. Hafez Haidar ospite della libreria La Bassanese

Hafez Bassanese

Debutta il 1° marzo la 23^ edizione della manifestazione culturale Incontri senza censura, organizzata dalla libreria La Bassanese e dall’omonima associazione culturale, con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti del Veneto.

Dopo qualche anno durante il quale giornalisti, politologi, sociologi hanno raccontato tutte le sfaccettature degli attentati terroristici, del rapporto giusto o sbagliato tra islam estremo e quello moderato, dei massicci arrivi di immigrati che a volte scappano da povertà e teatri di guerra e a volte si tratta di sola immigrazione “economica”, Incontri senza censura ha voluto dedicare un doppio appuntamento (post elettorale) ai delicati temi che meritano un approfondimento ampio e con voci e visioni anche opposte.

A completare questo speciale dedicato all’Islam, al terrorismo, alle differenze tra Bibbia e Corano, è stato invitato in anteprima assoluta giovedì 29 marzo il prof. Hafez Haidar, candidato Premio Nobel per la Pace 2017 libanese naturalizzato italiano, Ambasciatore per i diritti Umani. Bibbia e Corano, quali differenze? Una serata esclusiva con uno tra i maggiori studiosi a livello mondiale delle religioni monoteistiche. Dal Corano a Maometto, dall’influenza araba sull’Occidente, alle Crociate cristiane per far comprendere come il fondamentalismo islamico sia una spaventosa deriva dell’Islam. E nasce dal fanatismo, dall’ira, dall’ignoranza e dagli interessi economici.

Esiste un legame “politico-religioso” tra i luoghi scelti degli attentatori e il fondamentalismo islamico? E l’Italia può essere nel mirino del fanatismo? Si parla di integrazione anche tra religioni, ma quella musulmana crede nel rispetto delle altre? Con Lezioni di pace si intende arricchire il bagaglio, per guardare il mondo con occhi diversi, senza censura.

Share
468 ad