Contemporanea… mente. Bertozzi presenta “Cina” all’Ipssar Matteotti di Pisa

Bertozzi Pisa

Mercoledì 12 ottobre alle ore 16.00 nell’Aula magna dell’Ipssar Matteotti di via Garibaldi 194 a Pisa, Diego Angelo Bertozzi presenta il suo libro “Cina” nell’ambito di un ciclo di conferenze indirizzato agli studenti e alla società civile dal titolo “Contemporanea… mente”.

Una lettura del presente, alla luce dell’ultimo secolo e mezzo di storia (di Cobas Confederazione di Pisa)

E’ un saggio interessante, quello di Diego Angelo Bertozzi, giovane storico bresciano, che ripercorre la storia della Cina dall’Ottocento ai giorni nostri. Composto da cinque capitoli, un parte introduttiva iniziale e da preziose e aggiornatissime indicazioni bibliografiche finali. Si tratta di un “viaggio lungo oltre un secolo di storia della Cina contemporanea che permette di comprendere priorità, timori e direttive strategiche del Partito comunista cinese (Pcc) e del governo del gigante asiatico, tanto in politica interna che nella politica estera.”

Per comprendere la complessa vicenda cinese si ripercorrono le tragedie del colonialismo e dell’imperialismo, partendo da metà Ottocento, arrivando alla rivoluzione nazionale del 1911 che pose fine alla millenaria storia del Celeste Impero, fino ad affrontare la partecipazione alle due guerre mondiali della Cina, argomento questo spesso taciuto nei manuali di storia.

Vengono spiegate nel dettaglio le vicende del 1919, anno che alcuni storici considerano come l’inizio della storia contemporanea cinese e di svolta significativa sia per la rivoluzione che per il comunismo.

Bertozzi spiega poi il percorso di statalizzazione dell’economia avvenuto negli anni cinquanta del novecento, utile per comprendere l’originale e autonoma costruzione del socialismo cinese e si possono leggere suggestive pagine sulla rivoluzione culturale e sul “grande balzo in avanti”.

Non poteva mancare una riflessione critica sulle tappe della rivoluzione cinese, all’interno della quale viene affrontata, senza velature ideologiche, l’affascinante figura di Mao Zedong, con riflessione sui meriti e sugli errori.

Interessante e originale l’analisi della fase post maoista, con le riforme economiche introdotte da Deng Xiaoping che consentono la modernizzazione e lo sviluppo del paese ma che aprono la strada a profondi cambiamenti all’interno della struttura socio-economica, territoriale e urbana del paese.

Nell’ampia parte finale del libro si parla del nuovo corso del socialismo cinese e la proiezione della “potenza emergente” nello scenario globale fino ad affrontare il discusso caso della centralizzazione del potere in atto da parte dell’attuale presidente e segretario del Pcc Xi Jinping. Accuse basate su fondamenta reali o architettate a fini politici? Insieme all’autore potremo provare a cercare una risposta a questa e a molte altre domande sulle peculiarità e le contraddizioni della Cina attuale.

Di quanto accennato e molto altro potremo parlare direttamente con l’autore in occasione delle presentazioni del libro che si terranno a Livorno martedì 11 Ottobre alle 17,30 nell’ambito della “Libera Università popolare Bicchierini “ presso Ristoro Polpetta in via dei mulini 27 e a Pisa il 12 Ottobre alle 16,00 nell’aula magna dell’Ipssar Matteotti in via Garibaldi 197, come evento inaugurale del programma del progetto “Contemporaea..mente”, alla presenza di autorità cittadine, fra cui l’assessore alla cultura del comune di Pisa, Marilù Chiofalo.

Share
468 ad

Submit a Comment